venerdì 11 agosto 2017

Bibliografia essenziale di Antonio Cestaro

Come promesso, alleghiamo di seguito una bibliografia (incompleta e suscettibile di modifiche) del prof. Antonio Cestaro, deceduto a Battipaglia il 10 agosto 2017.
Si intende che i testi sono in ordine alfabetico e non cronologico:



-          «La Discussione»: (1873-1904), in “Rassegna di Politica e Storia”, n. 122 (dicembre 1964).

-          1928-1938 tra rivolta ed oppressione: un contributo alla storia di Rocchetta Sant'Antonio di Giovanni Libertazzi, a cura di Antonio Cestaro, Manfredonia, Edizioni universitas, 2008.

-          A. Stassano, Memorie storiche del Regno (1799-1821), introduzione, note e a cura di A. Cestaio, Venosa, Osanna, 1994.

-          Anarchici e clericali a Napoli nei rapporti del prefetto Sanseverino: 1881-1887, Napoli, Libreria scientifica, 1971.

-          Archivi ecclesiastici e centri di ricerche religiose e sociali nel mezzogiorno, in “Archiva Ecclesiae”, 24-25 (1981-82), n. 1, pp. 216-223.

-          Aspetti della questione demaniale nel Mezzogiorno: linee di una ricerca ambientale dal 1750 al 1875, Brescia, Morcelliana, 1963.

-          Bartolo Longo nella società meridionale del suo tempo, in Atti del Convegno storico promosso dalla Delegazione pontificia per il Santuario di Pompei, Pompei 24-28 maggio 1982, 1. Relazioni, dibattito, tavola rotonda, s.l., s.n., 1983, pp. 60-77.

-          Carlo Gesualdo e il suo tempo, in “Rassegna Storica Lucana”, XVII (1997), n. 25-26, pp. 3-12.

-          Cesare Magni, Profilo dragonettiano, in "Rassegna di Politica e di Storia", n. 13 (1967).

-          Chiesa e società nel Mezzogiorno moderno e contemporaneo, a cura di A. Cestaro, Napoli, Edizioni scientifiche italiane, 1995.

-          Convegno di storia sociale e religiosa a Capaccio-Paestum, in “Nuova Rivista Storica”, LVII (1973), f. 1-2, pp. 207-211.

-          De Gasperi e il Mezzogiorno: il viaggio in Basilicata del 1950, in Alcide De Gasperi nella storia dell'Italia repubblicana a cinquant'anni dalla morte, Atti del Convegno di studio, Salerno, 28-29-30 ottobre 2004, a cura di Diomede Ivone, Napoli, Editoriale Scientifica, 2006, pp. 213-220

-          De Rosa: ricordo di un lungo viaggio nel Mezzogiorno, in “Ricerche di Storia Sociale e Religiosa”, n.s., XXXIX (2010), n. 78, pp. 83-91.

-          Democratici e moderati nel 1860 ), in “Rassegna Storica Salernitana”, XXI (1960), n.1-2.

-          Don Giuseppe De Luca e la Basilicata, in “Rassegna Storica Lucana”, XVIII (1998), n. 27-28, pp. 3-10.

-          Don Vincenzo D'Elia (1874-1962): prete-giornalista, in “Rassegna Storica Lucana”, XIX (1999) , n. 29-30, pp. 3-9.

-          Eboli nell'Ottocento. Economia Società Cultura, Salerno, Laveglia, 2004.

-          Echi e riflessi del 1870 a Napoli, in "Humanitas. Rivista mensile di cultura", n.s., n. 8/9 (1970), pp. 803-815.

-           Geronimo Seripando e la Chiesa del suo tempo nel V centenario della nascita, Atti del Convegno di Salerno, 14-16 ottobre 1994, a cura di Antonio Cestaio, Roma, Edizioni di Storia e Letteratura, 1997.

-          Il 1799 in Basilicata, Atti del convegno di Maratea, 8-10 giugno, 1990, a cura di A. Cestaro e A. Lerra, Venosa, Osanna, 1992.

-          Il Concilio di Trento nella vita spirituale e culturale del mezzogiorno tra XVI e XVII secolo, Atti del convegno di Maratea, 19-21 giugno 1986, a cura di G. De Rosa e A. Cestaro, Venosa, Osanna, 1988.

-          Il concordato del 1818 e la ristrutturazione delle diocesi meridionali, in "Rivista di studi salernitani", n. 7 (1971).

-          Il fenomeno confraternale nel Mezzogiorno: aspetti e problemi, in "Ricerche di storia sociale e religiosa", N.S., n. 37/38 (1990), pp. 15-53.

-          Il Mezzogiorno e la Basilicata fra l'età giacobina e il decennio francese (atti del Convegno di Maratea, 8-10 giugno 1990), a cura di Antonio Cestaro, Antonio Lerra, Venosa, Osanna, 1992.

-          Il Mezzogiorno fra ancien regime e decennio francese, a cura di Antonio Cestaro e Antonio Lerra, Venosa, Osanna Venosa, 1992.

-          Il Partito Popolare nel Mezzogiorno, in “Rassegna Storica Lucana”, IX (1990), n. 11, pp. 3-133.

-          Il recupero dei beni archivistici e bibliografici nelle zone terremotate della Basilicata e della Campania, Atti del Convegno di studio promosso dall'Associazione per la storia sociale del Mezzogiorno e dell'area mediterranea: Potenza-Rifreddo, 12-14 aprile 1984, a cura di G. De Rosa e A. Cestaro, Roma, Edizioni di Storia e Letteratura, 1985.

-          Il terremoto del 1857 e la fondazione della Colonia Agricola di Battipaglia, Venosa, Osanna, 1995.

-          Il vescovo di Policastro e la rivoluzione del 1799 nel Regno di Napoli, in Chiesa e società nel Mezzogiorno. Studi in onore di Maria Mariotti, Soveria Mannelli, Rubbettino, 1998, vol. 1, pp. 435-440.

-          Il vescovo di Policastro e la rivoluzione del 1799 nel Regno di Napoli, in "Rassegna Storica Lucana", n. 3 (1996), pp. 3-9.

-          Il VI Congresso cattolico italiano nei rapporti del Procuratore generale e del Questore di Napoli, in "Rivista di studi salernitani", n. 4 (1969), pp. 240-270.

-          Internazionalisti anarchici e clericali a Napoli dopo l'Unità, Napoli, Editrice Universitaria Meridionale, 1969.

-          Istruzione pubblica e privata in un Comune del Mezzogiorno nel primo ventennio post-unitario, in "Rassegna Storica Salernitana", XX (1959).

-          Itinerari Turistico-Culturali della Piana del Sele, a cura di Antonio Cestaro, Battipaglia, Cassa rurale ed artigiana di Battipaglia, 1984.

-          Juan Caramuel vescovo di Satriano e Campagna (1657-1673): cultura e vita religiosa nella seconda metà del Seicento, Salerno, Edisud, 1992.

-          L' età rivoluzionaria e napoleonica in Lombardia, nel Veneto e nel Mezzogiorno: un'analisi comparata, Atti del Convegno di Maratea, 15-17 ottobre 1996, a cura di A. Cestaio, Venosa, Osanna, 1999.

-          L. Cassese, Scritti di storia meridionale, a cura di A. Cestaro e P. Laveglia, con una premessa di G. De Rosa, Salerno, Laveglia, 1970.

-          La diocesi di Conza e di Campagna nell'età della restaurazione, Roma, Edizioni di Storia e Letteratura, 1972.

-          La modernizzazione introvabile: un confronto sul Mezzogiorno, Piero Bevilacqua, Antonio Cestaro, Biagio De Giovanni, Rionero in Vulture, Calice, 1990.

-          La parrocchia nel Mezzogiorno dalla restaurazione ai giorni nostri, in "Orientamenti Sociali", XXXV (1980), n. 2.

-          La parrocchia nel Mezzogiorno dalla restaurazione ai giorni nostriin La parrocchia in Italia nell'età contemporanea, Atti del II Incontro seminariale di Maratea, 24-25 settembre 1979, Napoli, Ed. Dehoniane, 1982, pp. 57-79.

-          La provincia di Salerno: società e politica, 1943-1950, in Mezzogiorno e fascismo, Atti del Convegno nazionale di studi promosso dalla Regione Campania, Salerno - Monte S. Giacomo, 11-14 dicembre 1975, Napoli, Edizioni scientifiche italiane, 1975, pp. 271-290.

-          La Provincia: quindicinale cattolico di Potenza": 1908-1915, in “Rassegna Storica Lucana”, XXI (2002), n. 35-36, pp. 3-12.

-          La questione delle terre "quarte" e le agitazioni contadine in Eboli dal 1835 al 1861, in "Rassegna Storica Salernitana", XIV (1953), n. 3-4.

-          La ricerca storico-religiosa nel Sud con particolare riferimento alla tipologie dell'organizzazione ecclesiastica nell'Ottocento, in La società religiosa nell'età moderna, Atti del Convegno Studi di storia sociale e religiosa, Capaccio-Paestum, 18-21 maggio 1972, Napoli, Guida, 1973, pp. 130-165.

-          La ricerca storico-religiosa nel Sud con particolare riferimento alla tipologie dell'organizzazione ecclesiastica nell'Ottocento, in Territorio e società nella storia del Mezzogiorno, a cura di G. De Rosa e A. Cestaro, Roma, Edizioni di Storia e Letteratura, 1973, pp. 875-909.

-          La Rivoluzione napoletana del 1799 nelle province in relazione alle vicende storiche dell'Italia giacobina e napoleonica (1799-1815), Atti del convegno di Maratea, 15-17 novembre 1999, a cura di A. Cestaro, Venosa, Osanna, 2002.

-          La società operaia di Eboli e le agitazioni agrarie (1864-1875), in “Rassegna Storica Salernitana”, XV (1954), n.1-2.

-          La stampa cattolica a Napoli dal 1860 al 1904, Roma, Edizioni di Storia e Letteratura, 1965.

-          La stampa cattolica napoletana dopo l'Unità, in "Rassegna di politica e di storia", n. 110 (1963).

-          L'applicazione del Concilio di Trento nel Mezzogiorno: testi e documenti, Salerno, Edisud, 1986.

-          Le campagne e il mondo cattolico: linee di ricerca, in “Annali dell'Istituto "Alcide Cervi"”, 1 (1979), pp. 381-400.

-          Le ricerche di storia sociale e religiosa nel Mezzogiorno: aspetti e problemi, in Chiesa e società nel Mezzogiorno moderno e contemporaneo, a cura di A. Cestaro, Napoli, Edizioni scientifiche italiane, 1995, pp. 9-18.

-          Le strutture ecclesiastiche del Mezzogiorno dal Cinquecento all'età contemporanea, in "Ricerche di Storia Sociale e Religiosa", n. 7-8 (1975), pp. 70-119.

-          Leopoldo Cassese a quattordici anni dalla morte, in “Il Picentino”, CIX (1974), n. 3-4.

-          L'industria salernitana tra Ottocento e Novecento, in Profilo storico di una città meridionale: Salerno, Salerno, Pietro Laveglia Editore, 1979, pp. 183-200.

-          Lo "spoglio" dei vescovi nel Regno di Napoli: una fonte poco utilizzata, in Studi di storia sociale e religiosa. Scritti in onore di Gabriele De Rosa, Napoli, Ferraro, 1980, pp. 673-726.

-          M. Bendiscioli, Testi relativi allo sviluppo del sistema politico europeo nei secoli XVII e XIX (trattato di Westfalia - trattati 1815-20): corso di storia moderna, a cura di A. Cestaro, Salerno, Hermes, 1957.

-          Mito storia civiltà. Corso di storia per la scuola media, G. De Rosa-A. Cestaio, 3 voll., Bergamo, Minerva Italica, 1980.

-          Nel tempo: corso di storia per la scuola media, G. De Rosa-A. Cestaro, 3 voll., Bergamo, Minerva Italica, 1986.

-          Nicola Monterisi arcivescovo di Salerno, 1929-1944, Atti del Convegno, Salerno, 27-28 maggio 1994, a cura di Antonio Cestaio, Roma, Edizioni di Storia e Letteratura, 1996.

-          Nicola Monterisi tra fascismo e dopoguerra: 1929-1944, in Niicola Monterisi arcivescovo di Salerno, Roma, Edizioni di storia e letteratura, 1996, pp. 169-179.

-          Partiti e problemi agrari nel Mezzogiorno tra il 1943 e il 1946: considerazioni e appunti, in “Annali Cervi”, 3 (1981), pp. 339-352.

-          Pasquale Saraceno e la Basilicata, in "Rassegna storica lucana", XXIII (2003), n. 37-38, pp. 175-185.

-          Per il VII Centenario della Fondazione della Chiesa di S. Francesco, 1286-1986, a cura di Antonio Cestaro, Eboli, a cura del Centro di studi storici ebolitani, 1987.

-          Per la storia del principato di Salerno al tempo di Masuccio Salernitano, in "Rassegna di Politica e di Storia", n. 9 (1964).

-          Per la storia del Principato di Salerno nel secolo XV, in "Rivista di studi salernitani", n. 1 (1968), pp. 136-160.

-          Per una definizione tipologica e funzionale della parrocchia nel Mezzogiorno nell'età moderna e contemporanea, in La parrocchia nel Mezzogiorno dal Medioevo all'età moderna (Atti del I Incontro Seminariale di Maratea, 17-18 maggio 1977), Napoli-Roma, Ed. Dehoniane, 1980, pp. 165-189

-          Prefazione a G. D’Andrea, La Basilicata nel Risorgimento: testi e documenti, Potenza, Deputazione di storia patria per la Lucania, 1981.

-          Prefazione a U. Fera-V. Morlicchio, Regno di Napoli e delle Due Sicilie: repertorio bibliografico, Salerno, Edizioni Magna Grecia, 2001.

-          Premessa a G. Libertazzi, Vent'anni di studi e ricerche in Basilicata. 1974-1994, Venosa, Osanna, 1996.

-          Presentazione a A. Capano, Vietri di Potenza e il suo territorio. 3: Età Contemporanea (1861-1914), Vietri di Potenza, Comune, 1996.

-          Presentazione a A. Santangelo, Antiche confraternite a Venosa, Venosa, Osanna, 1984.

-          Presentazione a G. Amato, Il notaio Libero Serafini, molisano di Agnone, martire della repubblica partenopea (1798-1799), Salerno, Laveglia, 1990.

-          Raffaele Ciasca tra meridionalismo ed europeismo, in "Bollettino Storico della Basilicata", n. 4 (1988), pp. 109-126.

-          Rapporti tra autorita civili e autorita ecclesiastiche a Salerno dal 1860 al 1872, in "Rassegna di politica e di storia", n. 110 (1963).

-          Rapporto sulla presenza cattolico-democratica nel mezzogiorno: la Campania, in “Sociologia. Rivista di Scienze Sociali dell'Istituto Luigi Sturzo”, 1987, pp. 13-29.

-          Rodinò, Giulio, in Dizionario del movimento cattolico in Italia, Torino, Marietti, 1982, pp. 549-552.

-          Rodinò, Sturzo e il partito popolare a Napoli, in Luigi Sturzo nella storia d’Italia, Atti del convegno internazionale di studi promosso dall'Assemblea regionale siciliana, Palermo-Caltagirone, 26-28 novembre 1971, Roma, Edizioni di Storia e Letteratura, 1973, vol. 2, pp. 133-153.

-          Sant'Alfonso e il suo tempo, in Alfonso Maria de Liguori e la società civile del suo tempo, Atti del convegno internazionale per il bicentenario della morte del santo, Napoli, Olschki, 1988, pp. 27-39.

-          Scritti in memoria di Leopoldo Cassese, a cura di A. Cestaio e P. La veglia, Napoli, Libreria scientifica editrice, 1971.

-          Società, politica e religione in Basilicata nel secondo dopoguerra: il contributo dei fratelli Rocco e mons. Angelo Mazzarone di Tricarico, Atti del Convegno di studio, Matera-Tricarico, 25-26 settembre 2009, a cura di A. Cestaro e C. Biscaglia, Galatina, Congedo, 2013.

-          Storia del movimento cattolico in Italia, in “Humanitas”, n.s. (), pp. 925-934.

-          Storia della Basilicata, a cura di Gabriele De Rosa e Antonio Cestaro: 1. L'Antichità, a cura di D. Adamesteanu, 1999; 2. Il Medioevo, a cura di C. D. Fonseca, 2006; 3. L'Età moderna, a cura di A. Cestaro, 2000 (comprende La feudalità ecclesiastica, pp. 175-198); 4. L'Età contemporanea, a cura di G. De Rosa, 2002 (comprende Le grandi inchieste parlamentari, pp. 201-225).

-          Storia di una usurpazione: il comune di Capaccio contro l'ex feudatario: (in margine al quarantotto), in “Rassegna Storica Salernitana”, n. 1-4 (1984).

-          Strutture ecclesiastiche e società nel Mezzogiorno. Studi e ricerche dal XV al XIX secolo, Napoli, Ferraro, 1978.

-          Studi di storia sociale e religiosa: scritti in onore di Gabriele De Rosa, a cura di Antonio Cestaro, Napoli, Ferraro, 1980.

-          Studi e ricerche di storia sociale e religiosa dal XVI al XX secolo, Venosa, Osanna, 1996.

-          Territorio e società nella storia del Mezzogiorno, di G. De Rosa e A. Cestaro, Napoli, Guida, 1973.

-          Un comune del Principato Citeriore alla vigilia del crollo del regno borbonico, in  del XXXVI Congresso di storia del Risorgimento italiano, Roma, Istituto per la storia del Risorgimento italiano, 1960, pp. 133-143.

-          Un recente studio sul pensiero neoguelfo napoletano dopo l'Unità, in "Humanitas. Rivista mensile di cultura", n. s. (1963), pp. 95-97.

-          Università, vescovi e feudatari nella Diocesi di Campagna e Satriano nei secoli XVII e XVIII, in "Rivista di Studi Salernitani", n. 2 (1968), pp. 92-129.

-          Università, vescovi e feudatari nella Diocesi di Campagna e Satriano nei secoli XVII e XVIII, in Feudalità, clero e popolo nel sud attraverso le visite pastorali del '700, a cura di G. De Rosa, Napoli, Libreria Scientifica Editrice, 1969, pp. 351-401.


giovedì 10 agosto 2017

Addio ad Antonio Cestaro, uno storico tra Campania e Basilicata

È morto, a Battipaglia, il 10 agosto, il prof. Antonio Cestaro, maestro della storiografia meridionale, a 93 anni. Nato a Eboli nel 1924, Cestaro si era speso negli studi sull'area del Sele, del movimento cattolico e della nostra Basilicata, spesso con il suo collega e co-autore di molti volumi, Gabriele De Rosa, scomparso nel dicembre del 2009.
Con De Rosa, Cestaro aveva fondato il Centro Studi per la Storia del Mezzogiorno, fucina di ricerche e progetti che riuscì a riunire giovani studiosi lucani e salernitani (primo nucleo della ricerca storica poi sfociata nell'Università della Basilicata, nell'Associazione per la Storia Sociale del Mezzogiorno e nella rinnovata Deputazione di Storia Patria per la Lucania), con l’intento di contribuire con l’ausilio della ricerca storica alla riscoperta dell'identità meridionale. Cestaro aveva insegnato, oltre che a Salerno, anche nell’Università della Basilicata, penetrando nella complessa realtà lucana, cui avrebbe dedicato numerose pagine. Più tardi, nella maturità, tenne corsi di studi anche al Seminario Metropolitano “Giovanni Paolo II” di Pontecagnano Faiano. Cestaro era anche professore emerito di Storia Moderna nell’Università degli Studi di Salerno.
A noi, che lo abbiamo conosciuto negli ultimi anni in occasione di convegni, resta il ricordo di uno storico serio, rigoroso e profondamente radicato nella realtà socio-culturale del Mezzogiorno e della Basilicata, il curatore della benemerita Storia della Basilicata laterziana con De Rosa, il maestro di tanti nostri docenti. Al prof. Cestaro va il nostro ricordo di studiosi e ricercatori, con la promessa, entro domani, di pubblicare una prima, sia pure incompleta, bibliografia.


giovedì 3 agosto 2017

La famiglia Gesualdo e Venosa. 2. Il principe musico

Carlo nacque a Venosa, in Basilicata, l'8 marzo 1566 da Fabrizio e da Geronima Borromeo.
Poche e frammentarie sono le notizie relative ai primi vent'anni di vita e attività del Gesualdo. È noto però che, pur appartenendo a un "ceto di altissima aristocrazia napoletana", e godendo inoltre del prestigio e dell'autorità che gli derivava dallo zio paterno card. Alfonso - dal 1596 arcivescovo di Napoli e decano del S. Collegio -, cominciò prestissimo a dedicarsi agli studi e alla pratica musicale.
Dopo la morte del fratello primogenito Luigi, esigenze dinastiche e la preoccupazione paterna "di dar moglie al secondo affinché sì ampia ed antica eredità non venisse ad uscire dalla casa" (Ammirato, I, 1580; II, 1651, p. 13), spinsero il Gesualdo a unirsi nel 1586 in matrimonio - previa dispensa papale, trattandosi di cugini primi - con Maria d'Avalos, figlia della zia paterna Sveva e di Carlo d'Avalos, e già vedova, seppur giovanissima, di Federico Carafa. Nacque Emanuele, l'erede desiderato ("Lieto presagio di leggiadra vista" - lo cantò il Tasso), che sposatosi nel 1607 con Maria Polissena di Fürstenberg sarebbe poi morto ancora giovanissimo il 20 agosto 1613, a soli pochi giorni di distanza dalla scomparsa del padre.
Le nozze legarono il casato dei Gesualdo a una delle più potenti famiglie dell'aristocrazia napoletana ma portarono, nella notte tra il 16 e 17 ottobre 1590, a un drammatico e fin troppo celebre epilogo - l'uccisione della moglie e del suo amante Fabrizio Pignatelli Carafa, duca d'Andria: soggetto "nel quale piange e canta tutta Napoli", che per lungo tempo, e fino ai nostri giorni, commosse e accese la fantasia spesso morbosa di cronisti, cantastorie e letterati di mezza Europa. Subito dopo la tragedia, senza aspettare l'apertura del processo, che venne subito archiviato dal viceré di Napoli, J. de Zuñiga, conte di Miranda "stante la notorietà della causa giusta dalla quale fu mosso don Carlo Gesualdo principe di Venosa", motivi di opportunità "politica" e di rispetto nei confronti delle famiglie delle vittime (la cui indignazione era dovuta soprattutto al fatto che a compiere il delitto non era stato in prima persona il marito tradito bensì la mano plebea di servitori) spinsero il Gesualdo a ritirarsi nel castello di Gesualdo, dove rimase per circa un anno dedicandosi alla caccia e alla sua ormai quasi ossessiva passione per la musica e la composizione: quando infatti nel febbraio 1594 raggiunse Ferrara per le nuove nozze con Eleonora d'Este - nipote del duca Alfonso II e sorella di Cesare d'Este - sappiamo che recava con sé diverse composizioni che vennero pubblicate pochi mesi dopo il suo arrivo alla corte estense.
Era stato il cardinale Alfonso suo zio a tessere in prima persona la tela di questa nuova e prestigiosa unione che, se da un lato mirava a sottrarre Carlo a un isolamento sin troppo lungo e intellettualmente sterile, inserendolo in un ambiente culturalmente vivacissimo come quello ferrarese, dall'altro corrispondeva alle aspettative - andate poi deluse - di Alfonso II d'Este di impedire con l'appoggio del potente cardinale napoletano che Ferrara tornasse alla Chiesa dopo la sua morte.
La vivacità della corte estense e la nascita del figlio Alfonsino non riuscirono tuttavia a placare l'umore "malinconico" e l'irrequietezza del "Napuletanissimo" principe il quale, dopo solo pochi mesi di soggiorno ferrarese - felicissimo come si è visto dal punto di vista della creatività musicale, assai meno per le crescenti incomprensioni con i membri della corte estense ("un covo di vipere" arrivò a definirla in una lettera allo zio cardinale, eccezion fatta per il vecchio e gentile Alfonso II) e per i pettegolezzi che circondavano la sua vita privata - con grande sconcerto dei parenti acquisiti e umiliazione della moglie, abbandonò improvvisamente Ferrara per rifugiarsi, nel maggio 1594, nella solitudine di Gesualdo. 
all'inizio del 1596, si stabilì definitivamente nel suo feudo meridionale, ancora una volta senza la moglie, che si rifiutò per lungo tempo di seguirlo. Alle insistenti preghiere che gli giungevano da Ferrara perché vi facesse ritorno e, riavvicinandosi a Eleonora (i maltrattamenti verso la quale erano diventati ben presto oggetto dei malumori della corte), rimediasse alla sua fuga, il Gesualdo oppose sempre giustificazioni di salute, sollecitando a sua volta la consorte a raggiungerlo con il figlio. Alla fine la ebbe vinta: il 3 dicembre 1597 la principessa di Venosa, accompagnata dal conte della Saponara, da F. Sanseverino e dalvconte Fontanelli, raggiunse con il figlio il castello di Venosa, accolta con "honori infiniti" dal marito, con il quale poi - nel maggio successivo - mosse alla volta di Gesualdo. Seguirono anni di sofferenze, per il pessimo trattamento riservatole dal marito e per la perdita del figlio Alfonso (che morì nell'ottobre del 1600).
Anni dunque di febbrile ma fertilissimo lavoro, quelli dell'ultimo lungo periodo trascorso a Gesualdo. Anni però anche di cupa solitudine, di ossessioni religiose, di continue "indipositioni" e tensioni psicologiche, rispecchiate come una sorta di confessione autobiografica in madrigali come "Resta di darmi noia/ Pensier crudo e fallace" o quello ancor più drammaticamente espressivo che recita: "Io pur respiro in così gran dolore,/ E tu pur vivi, o dispietato core", che costituirono la ragione prima dell'isolamento nella sua fortezza campana e che alla fine condussero il Gesualdo a uno stato di completa instabilità fisica e mentale.
L'8 settembre 1613 sopraggiunse la morte, preceduta solo di pochi giorni (20 agosto) dalla tragica scomparsa per una caduta da cavallo del figlio di primo letto Emanuele, che forse ne accelerò la fine.
FONTE: Dizionario Biografico degli Italiani, voce di A. Lanfranchi, Roma, Istituto della Enciclopedia Italiana, 2000, vol. 53.

giovedì 20 luglio 2017

A margine della "Istoria di Potenza" pubblicata da R. M. Abbondanza (Marina Corsini)

La monografia di Rocchina Maria Abbondanza Blasi, Storia di una città: Potenza. Da un manoscritto della seconda metà del sec. XVII, pubblicata da Edisud Salerno, 2000, si caratterizza come un’analisi critica del manoscritto di Don Giuseppe Rendina, Istoria della città di Potenza di D. Giuseppe Arcidiacono Rendina de’ Baroni di Campomaggiore, accresciuta da tempo in tempo, trascritta ed accresciuta da D Gerardo Picernese, del 1758. Il manoscritto, di 793 fogli, è conservato nella biblioteca provinciale di Potenza, non come originale, ma come copia “accresciuta” dal canonico Picernese nel Settecento in pergamena di dimensione 21x16.
L’autrice, discorrendo e analizzando in maniera critica le varie parti del manoscritto, riportato dattilografato alla fine del libro, struttura lo scritto in cinque capitoli. Nel complesso dell’analisi la Abbondanza ne deriva la definizione del profilo storico della città dalle sue origini, la storia religiosa di Potenza e dell’agiografia lucana, le notizie intorno ad avvenimenti cittadini, rivolte, pestilenze e famiglie che “hanno fatto la storia di Potenza” che è la parte più interessante a livello storico, insieme alla prima sulle origini della città. 
Dalle notizie sparse nel manoscritto, databile entro la seconda metà degli anni sessanta del Seicento e il 1673 (tempo in cui era già vescovo di Potenza), se ne ricava un sommario profilo del Rendina, nato nel 1608 e morto poco dopo questo manoscritto, opera di vecchiaia come egli stesso ci riporta. E’ un manoscritto nato dall’"Amore della Padria che spinge a tentar cose impossibili per essere grati a rendere il latte che in essa succhiarno"; tuttavia questo “patriottismo” è equilibrato dall’obiettività che il canonico cerca ad ogni costo, attraverso una narrazione che è regolata dal ruolo quasi egemone del documento.
Definendo le origini della città antichissima della Lucania viene svolto un excursus sull’origine del toponimo Lucania per poi passare ad analizzare le notizie sul sito e positura della città, la quale all’origine sorgeva nella valle, lungo le rive del Basento mentre al tempo di Rendina è situata sul colle sovrastante il fiume, a metà strada tra Salerno e Taranto. Definita come la città più antica della Lucania, il Rendina si appoggia a riferimenti tratti da Cicerone e Plinio, per quella, che anche in epoca romana, sembrava essere una città ricca e splendente che rivive in tutta una serie di epigrafi scolpite nei marmi dispersi sul territorio lucano. Queste vengono riportate dal Rendina a dimostrare “l’antichità, la cospicuità e lo splendore della città”. In un’analisi generale dell’autrice attraverso un incrocio anche con altre fonti, dalle sue origini, la città, vede il massimo splendore nel periodo normanno-svevo, diventando la città fortificata e turrita ma avviandosi, dopo la morte di Federico II (1250), ad una lenta e plurisecolare decadenza che si protrarrà fino al tempo in cui Rendina scrive la sua Istoria.

“/Abbiamo sin qui discorso dell’Antichità di Potenza circa lo Stato Temporale, è ben di dovere che ora si parli del Spirituale […]”

Così si apre la terza parte del manoscritto, che nell’analisi dell’autrice, ripercorre la storia dell’agiografia lucana secondo tutta una serie di tesi e contro tesi volte a sostenere o meno le datazioni e i racconti agiografici riportati dal Rendina nel manoscritto. In particolare si discorre sulle passiones dei dodici Sati Fratelli martiri (tra i quali era compreso Oronzo, antico patrono della città) e delle storie di altri santi del posto. Ampio spazio è dato al racconto della vita, dei miracoli, della morte e della canonizzazione di San Gerardo Della Porta, vescovo di Potenza e successivamente patrono della stessa città. Dopo aver definito le personalità del mondo spirituale potentino, l’analisi si rivolge alle strutture ecclesiastiche che popolarono nel corso del tempo il territorio della città. In realtà l’analisi dell’autrice sulla “storia sacra” scritta dal Rendina giunge ad un’ipotesi, non del tutto azzardata, che vede di come il canonico ed arcidiacono avesse attinto esclusivamente dalle fonti del suo archivio poiché in alcune parti l’Istoria non è nient’altro che l’inventario commentato di quello che ai suoi tempi era l’archivio della cattedrale. Constatato ciò, questo non toglie l’importanza della “fatica letteraria” intrapresa dal Rendina per un profilo generale a trecentosessanta gradi della città di Potenza.
L’ultima parte del manoscritto, che l’autrice affronta nel quinto e ultimo capitolo del suo libro, è dedicata alla famiglia Loffredo e ad altre famiglie “ragguardevoli” della città. Il Rendina, se pur in maniera non convincente, vuole dimostrare le origini longobarde dei Loffredo, conti di Potenza; tuttavia la storiografia contemporanea è ancora divisa tra varie ipotesi sulle origini germaniche o normanne. Dopo un discorso generale sulla famiglia Loffredo, il canonico si sofferma sui vari membri della famiglia riuscendo a risalire fino all’undicesimo secolo perché prima si questo tempo non vi sono Istorie che ne parlino. Il manoscritto si conclude con un trionfo di titoli (conti, marchesi e duchi) attribuiti alla famiglia Loffredo e poi con notizie intorno a varie famiglie e personaggi “ragguardevoli” della città.
Osservazioni critiche dell’autrice portano a vedere di come due delle quattro parti del manoscritto siano dedicate alla storia ecclesiastica e scarne parti a notizie politiche e storiche, per poi dedicare addirittura interi capitoli alla famiglia Loffredo; una tale strutturazione trova spiegazione nel fatto che Rendina nacque e visse nel Seicento e nel fatto che fu un ecclesiastico, per giunta, intimo della casa Loffredo. 
Il libro di Rocchina Maria Abbondanza Blasi si configura, così, come un primo tentativo, certamente divulgativo, di portare l'attenzione sul manoscritto del Rendina, considerato fondatore della storiografia potentina. L’approccio dell’autrice è abbastanza critico e al tempo stesso appassionato nella volontà a portare alla luce un così importante documento della storia potentina, forse troppe volte lasciato nel dimenticatoio.

giovedì 13 luglio 2017

Cronaca di Matera 1751 - Nicolò Domenico Nelli (Flavia Elettrico)

Il manoscritto di Nicolò Domenico Nelli, canonico della cattedrale metropolitana e archiviario alla Curia arcivescovile, consiste in un’ampia e accurata trattazione storica della città di Matera, dal titolo Cronaca di Matera 1751, seguito dal sottotitolo Descrizione della città di Matera, della sua origine e denominazione, de’ fatti in essa accaduti, de’ suoi cittadini e delle sue chiese e monasteri sì antichi che moderni e della loro descrizione, raccontata da Nicolò Domenico Nelli, canonico della chiesa metropolitana di essa città, da varii autori e da diversi manoscritti antichi con molta sua fatiga e dal suddetto posta in opera sino all’anno 1751. 
Si tratta di un manoscritto cartaceo, assemblato postumo in un faldone color avorio, costituito da 492 fogli in carta pergamenata, dai bordi ingialliti ed erosa dal tempo. Dal punto di vista strutturale, l’opera è divisa in cinquanta capitoli, seguiti da un indice e da una nota conclusiva dell’autore.
I capitoli introduttivi sono dedicati alle origini della città di Matera ed alla sua edificazione e denominazione. Dal capitolo III al X, invece, la trattazione si sofferma sui cittadini insigni che hanno abitato la città: Cittadini insigni nella santità nella bontà di vita ed esemplarità di costumi; Cittadini di Matera ascesi a dignità ecclesiastiche; Cittadini di Matera che sono avanzati nella dignità ed offici scolari; Cittadini di Matera avanzati nelle diverse scienze; Cittadini di Matera applicati nel mestiere dell’arme, ove fecero molto progresso; Della nobiltà così antica, come moderna della città di Matera; Cittadini che hanno posseduto feudi, nobili e rustici. 
A seguire, i capitoli XI e XII riportano i privilegi che la città di Matera ottenne nelle diverse epoche da Re e Imperatori e alcune vicende legate al conseguimento degli stessi. La trattazione affrontata in questi primi dodici capitoli culmina nel XIII, costituito da un corollario. 
Nel capitolo XIV, il canonico si dedica ad un’accurata descrizione della chiesa cattedrale metropolitana di Matera e delle sue prerogative, per poi dedicarsi ai costumi della città dal capitolo XV al XIX. 
I capitoli XX, XXI e XXII sono dedicati alle chiese parrocchiali di S. Pietro Caveoso, S. Pietro Barisano e S. Giovanni Battista, mentre il capitolo XXIII è dedicato alle parrocchie antiche, non più esistenti già all’epoca di Nelli. Particolarmente interessante è il cenno relativo alle chiesette rupestri: “adesso sono: o case, o cantine, dove sino a i nostri tempi s’osservano alcune effigie di Santi pittati alle mura, e la maggior parte di esse erano cavate dentro massi di tufi.”
Dal capitolo XXIV alla fine, il canonico descrive i monasteri, i conventi e le chiese della città: il monastero di S. Eustachio, il monastero di S. Maria de Armenis, il monastero di S. Salvatore di Timbaro, il monastero di S. Maria della Valle, il monastero di S. Maria di Picciano, il convento dei Padri Domenicani, il convento dei Padri Francescani detti Conventuali, il convento dei Padri Cappuccini, il convento dei Padri Agostiniani, il convento dei Padri Riformatori detto di S. Rocco, il convento dei Padri Carmelitani, dove si fondò poi il seminario, il monastero di Monache Claustrali Benedettine Cassinesi detto di S. Agata e di S. Lucia, il convento di Monache Claustrali di S. Maria la Nova, il convento di Monache Claustrali appartenenti all’ordine religioso di S. Chiara, la chiesa di S. Egidio, la chiesa di S. Maria delle Vergini, la chiesa di S. Maria Monte Verde, la chiesa di S. Maria degli Angeli, la chiesa di S. Maria della Palomba, la chiesa del SS. Crocifisso detta della Gravinella, la chiesa di S. Lazzaro, la chiesa della SS. Annunziata detta della Nunziatella, la chiesa di S. Maria dell’Arena e la Chiesa del SS. Crocifisso detta della Selva. I capitoli XXXVIII, XL e XLI, nello specifico, sono dedicati rispettivamente al Conservatorio detto di S. Maria della Pietà, alla congregazione del Purgatorio e alla descrizione delle chiese fuori della città, oltre a quelle di Picciano, Timbaro e S. Maria della Valle. In conclusione, il canonico dichiarerà la sua impresa ultimata, non rinunciando, però, a riportare alcuni cenni sulle chiese di S. Biagio, di S. Maria delle Virtù e di S. Bartolomeo. Indiscutibilmente, il lavoro condotto da Nelli, alla cui memoria la città di Matera ha dedicato una strada, è stato enorme e assai impegnativo. 
La Cronaca di Matera 1751, dunque, oltre a possedere un carattere identitario e territoriale preziosissimo, costituisce un importante contributo per la storia della storiografia locale, proseguito da Bellisario Torricelli, da Giuseppe Gattini e da Carmenio Copeti, ma anche da Francesco Paolo Volpe, autore delle Memorie Storiche profane e religiose su la città di Matera, stamp. Simonina, Napoli 1818, che indubbiamente conosceva il manoscritto di Nelli.  
Il manoscritto autografo in questione, precedentemente conservato nella Biblioteca del Museo nazionale D. Ridola, si trova attualmente nell’Archivio di Stato di Matera. Inoltre, nella Biblioteca Provinciale “T. Stigliani”, sempre a Matera, e precisamente nella Sez. Lucana al terzo piano dell’edificio, è possibile consultare la trascrizione dattilografica del manoscritto, riportata all’interno della tesi di laurea Documenti di storia meridionale: L'inedita cronaca di Matera del canonico Nicolò Domenico Nelli di Fausta Ventura, rel. T. Pedìo, Università degli studi di Bari, a.a. 1968-69, collocazione Luc. S.C.00443 n. 41008.
(Foto: Sonia Sciandivasci)

BIBLIOGRAFIA: 

Nelli, Nicolò Domenico, Cronaca di Matera 1751, in Archivio di Stato di Matera.
F. Ventura, Documenti di storia meridionale: L'inedita cronaca di Matera del canonico Nicolò Domenico Nelli, tesi di laurea, Bari, Università degli studi, a.a. 1968-69.